Il meraviglioso viaggio di Marco Polo raccontato da Marina de Juli

Immagine Postato il Aggiornato il

LOCANDINA 2 MARCO POLOcoopuf

In scena una giullaressa che attraverso il tipico linguaggio rinventato lombardo-veneto, racconta una storia di vita quotidiana nella Venezia della seconda metà del 1200, in quel medioevo fatto di grandi paure, grandi invenzioni e grandi viaggi. Una Venezia nella quale sbarcano i crociati e i mercanti di seta, di spezie, provenienti dall’India e dalla Persia: il suo molo è zeppo di trafficanti di piazza, tessitori di lana, vetrai, marinai… di ladri, prostitute, musici e giullari.
Lì una bambina, tutti i giorni, aspetta la madre che si vende ai marinai.
Anche un altro ragazzino aspetta. Non è figlio di una prostituta, ma di un mercante partito tempo prima per le Indie. Il suo nome è Marco.
Inizia così una storia, ironica, amara e a volte grottesca che porterà i protagonisti verso la terra del Catai, terra di ricchezza, di abbondanza… ma sarà veramente la terra della speranza?
Quando Rustichello da Pisa, prigioniero nelle carceri genovesi, narrava le avventure di Marco Polo ne “Il Milione”, si rivolgeva agli imperatori, ai re, duchi, marchesi, conti e cavalieri. Noi, fedeli a ciò che viene raccontato ne Il Milione e a studi medioevali di importanti studiosi, abbiamo scelto di narrare questa storia al popolo, a quel popolo che magari s’imbratta nello sterco, ma sa anche ridere delle proprie disgrazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...