Colazione da Toeplitz, tra un delitto e un croissant

Postato il Aggiornato il

Via Vico, varese

Emiliano Pedroni è nato nel 1974 e risiede in provincia di Varese. E’ Diplomato Grafologo presso Arigraf Milano, quest’ultima facente parte la prestigiosa Société Française de Graphologie di Parigi ed è specializzato in Grafologia Giudiziaria.

Ha pubblicato due romanzi thriller:

“La Recluta del Male” (Editore XY.IT, 2011).

“Le Oscure Presenze” sempre con (Editore XY.IT, 2013).

I proventi del diritto d’autore di quest’ultima opera che ha ottenuto il Patrocinio dalla “Provincia di Varese” sono devoluti al CENTRO ICORE Onlus di Gorla Maggiore, centro di ascolto e di accompagnamento contro la violenza sulle donne.

Un suo racconto, “Il Simbolo”, è inserito in “Delitti d’acqua dolce” (Lampi di stampa, 2012) un’antologia che contiene venti racconti gialli, ambientati nella zona del Lago Maggiore, scelti tra gli ottantuno che hanno partecipato alla prima edizione del premio “Giallostresa”.

Un altro suo racconto “Il Macellaio” è inserito in “Giallo Lago” (Eclissi Editrice, 2013) antologia che contiene venti racconti gialli, ambientati nella zona del Lago Maggiore e Lago d’Orta scelti tra i settantasei che hanno partecipato alla seconda edizione del premio “Giallostresa”.

Un altro racconto “I Tratti Allarmanti” è inserito in “Delitti di Lago” (Morellini Editore 2014) un’altra antologia che contiene venti racconti gialli ambientati nella zona del Lago Maggiore e Lago d’Orta. E con quest’ultimo racconto giunge in finale al concorso “Giallostresa”.

Con il racconto “Il Movente Perfetto” è stato segnalato sempre al concorso “Giallostresa” 2015.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...