Giovedì 15, Daniela Zanelli accenderà la sua magica macchina da blues

Postato il Aggiornato il

untitled-design-1

Aretha Franklin (Respect, Chain of fools), James Brown (I feel good), Otis Redding (Dock of the Bay, Can’t turn you loose), Little Richard (Lucille, Good Golly Miss Molly), Ray Charles (Shake your tail feather), Eric Clapton (Reconsider Baby) sono alcuni dei maestri che li hanno ispirati nel creare la miscela esplosiva del loro repertorio: non solo R&B ma anche blues, soul e funk.

L’amore per questa musica ha portato i Blues Magic Machine a ricercare il sound originale della black music degli anni sessanta. In questo lavoro è decisivo l’apporto della sezione fiati composta da Oscar Santinon (sax contralto), Maurizio Molla (sax tenore), Gianluca Borghi (tromba). Vero spettacolo nello spettacolo quando suonano insieme, di sicuro impatto per il mix di suoni che sanno produrre, gli elementi della sezione sono capaci d’interventi solistici in grado di infiammare il pubblico.

La liricità del soul e la carica del R&B hanno bisogno dell’indispensabile contributo di Maurizio Bonicalzi (tastiere e organo), creatore atmosfere tipicamente “black” e di assoli pieni d’energia. La black music non è solo sonorità particolari, ma anche e soprattutto ritmo: la sezione ritmica dei Blues Magic Machine, con Stefano Giacomazzi (basso) e Vincenzo Pettinato (batteria), imprime alla loro musica quel particolare “groove” che va dritto al sistema nervoso e non permette di starsene ad ascoltare senza muovere qualcosa del proprio corpo. Com’è naturale, ogni musica figlia del blues non può esistere senza uno strumento come la chitarra: Andrea Marcotulli (chitarra elettrica) ne è un interprete di straordinaria sensibilità e notevoli capacità espressive, con un “tocco” veramente personale.

Il vero punto di forza ed anima “nera” dei Blues Magic Machine è Daniela Zanelli (voce), una cantante dalle inesauribili possibilità e di grande presenza scenica. La sua voce sa essere, secondo i casi, calda o graffiante, toccante o conturbante, sempre carica di fascino e di straripante energia. I Blues Magic Machine sono nati nel 1992 ed hanno all’attivo una lunga serie di esibizioni in vari contesti: locali, festival, rassegne musicali, nelle provincie di Varese, Novara, Milano e nel Canton Ticino. Hanno collaborato ad iniziative sperimentali con gruppi di altri generi musicali; sono stati opening-band di artisti statunitensi quali Ms. Kay Foster Jackson e Jackye Lee Heard; parte del loro organico ha accompagnato Steve Washington, celebre batterista e compositore inglese di origine jamaicana, in alcune esibizioni live, riscuotendo un notevole successo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...