Gli appuntamenti della prima settimana di settembre al TBVT

Postato il Aggiornato il

ab1c2969-28c9-4ac5-8c61-75d225d68970

Lunedì 04 Settembre dalle 19:00 alle 23:00

Fottuto Lunedì

21248538_1406977416075805_8815788461231025121_o

E’ l’appuntamento settimanale all’interno dello splendido Parco di Villa Toeplitz. Aperitivo lungo a base di sonorità elettroniche ricercate dal soul funky house nu-jazz swing. Daremo spazio a collaborazioni legate all’ambiente sportivo, artistico, sociale. Perché di lunedì? Perché chi inizia bene, è a metà dell’opera. Buon Lunedì!

Selezione musicale: Flavio De SantisAlessio Paracchino

Evento in collaborazione con:
• Filippo Menotti, atleta varesino. Occasione per conoscerlo e per gli amanti di Running e Trail, di scambiarci quattro chiacchiere.
• Funky Corner Tattoo, studio tatuaggi e piercing, dell’amico Alessio Paracchino.
• Food Corner Varese (L’aperitivo sarà accompagnato da Insalata Brasilana & Insalata di Farro, e non solo… Grazie all’amico Andrea Pedretti ).

VUOI COLLABORARE?
Sei un’attività, un’artista, un’ente sportivo o atleta, nell’ambito del sociale.. Non esitare a contattarci, ti daremo spazio all’interno dell’evento.

INGRESSO LIBERO
Aperitivi, appetizer, cocktails, birre

PARCHEGGIO
Possibilità di parcheggiare lungo la Via che porta all’ingresso principale del Parco, oppure al Parcheggio del Cimitero sul retro del Parco con accesso tramite il ponticello.

Evento promosso da: Tennis Bar Villa Toeplitz – Cantine Coopuf – Liste Umbe – Lista Berry


Martedì 05 Settembre dalle 21:00 alle 24:00

Folk Session – Bal Sauvage Dans Le Jardin

20953868_10214140527766206_4630791197237723162_n

“L’unica gioia al mondo è cominciare” ci piace molto di più de “L’estate sta finendo”.
Comincia settembre e l’estate non è ancora finita. È il momento giusto per:
– cominciare a ballare il folk
– cominciare a ballare il folk su una dance floor d’eccezione
– cominciare a ballare il folk su una dance floor d’eccezione, e a suonarlo pure!

LA TEORIA:
Siete tutti chiamati all’appello.
Ballerini provetti. 
Ballonzolatori alle prime armi.
Tangueri sperimentatori.
Truzzi pentiti.
Bradipi oblomovisti ma aggraziati. Atleti stakanovisti ma dotati di due piedi sinistri.
Virtuosi della ghironda e beat boxer versatili, musici di ogni foggia ed estrazione. Vi vogliamo tutti folkeggianti in questo primo ballo di settembre, per la prima volta nella folk-storia varesina “sur la courte de tennis” di villa Toeplitz.

LA PRATICA:
Sarà una serata di balfolk per tutti, anche per chi non ha la più pallida idea di cosa sia il balfolk ma intende scatenarsi a sufficienza da poter smaltire le buone birrette che sorseggerà al Tennis bar. Nella prima parte danze scatenate trad e meno trad dal repertorio di balli folk di tutta Europa (e oltre), con spiegazioni il più possibile accurate (compatibilmente con il numero di birrette che avremo ingerito) anche per chi non ha mai mosso un passo di danza in vita sua. Al calar della notte invece incentiveremo il french kiss con tanti francesissimi valzerini romantici e mazurkine strusciose che vi piaccion tanto. Jam folk di musica dal vivo se i musicisti vengono (e soprattutto se non si sbronzano troppo presto), altrimenti folk dj-set per tutti i gusti.


Mercoledì 06 Settembre dalle 21:00 alle 23:00

Birø live #Summerbreak

21032728_1670928826253118_8360736195926765019_n

#Summerbreak, la rassegna che unisce natura, sport e musica nella splendida Villa Toeplitz è lieta di presentare:

Birø, una delle proposte più interessanti della scena indie italiana. Classe 1990 originario di Varese. Un progetto che mira a coniugare testi propri della tradizione cantautorale con la musica elettronica e a raccontare storie attraverso musica e parole.

Evento promosso da: Tennis Bar Villa Toeplitz – Coopuf Biumo – Cantine Coopuf – Madboys Eventi E Concerti – RC Waves


Giovedì 07 Settembre dalle 18:30 alle 20:00

Giardini letterari – “Solar Park” di Carlo Alfieri

21317407_1681269721885695_477176136567966583_n

Il trentanovenne Almodio Siccomario, dirigente diligente ma non fulgente della filiale italiana della Dai Eleka, multinazionale elettronica, spera in una sacrosanta promozione. Trame manageriali portano invece al suo trasferimento. Amministratore Delegato della sede uruguayana. Promozione ma in realtà esilio. Senso di ingiustizia e di fallimento, e il ricordo dell’incontro con la splendente Drusa Ravenport, lo accompagnano a Montevideo. Ma è qui che nella sua vita irrompe il misterioso Prudencio Ordóñez, avventuriero portatore di ottime opportunità di business. L’amicizia virile diventa collaborazione sempre più stretta: non solo contratti commerciali, Prudencio gioca in grande sullo scacchiere planetario, tutto sa, tutto manovra, e coinvolgerà Almodio in azioni segretissime e spettacolari ai quattro angoli del pianeta. Facendone un uomo nuovo, coraggioso e intraprendente, capace persino di edificare un sogno ecologico mirabolante. Saranno invece gli incontri al femminile – con Drusa, ancora; con la dolcissima ma incrollabile Lucrecia; con l’esotica e disinibita studentessa Shaadiya – a farlo crescere, fino a costruire, infine, anche il suo sogno d’amore perfetto.

Vi aspettiamo ai giardini letterari di Villa Toeplitz, a Varese, giovedi 7 settembre alle ore 18:30, per la presentazione in anteprima di Solar Park, il nuovo romanzo di Carlo G. Alfieri, scrittore

Moderano Jessica Moro e Barbara Podetta, di Books Hunters Blog

La direzione artistica è di Cristina Bellon


Venerdì 08 Settembre dalle 21:00 alle 23:00

Cinema al tramonto – Speciale “Una jena in cassaforte” (1967)

20989162_1671080982904569_7559834149994929573_o

Abbiamo scoperto che Villa Toeplitz è stata teatro di un film italiano del 1967 per la regia di Cesare Canevari, con Cristina Gajoni, Marie Louise Greisberger, Karina Kar, Alex Morrison, Dimitri Nabokov, Stan O’Gadwin, Ben Salvador, Otto Tinard.

La trama è un classico thriller dell’epoca. Sei malviventi si danno convegno in una villa isolata per dividersi il frutto di un colpo realizzato un anno prima: una cassaforte piena di diamanti. L’improvvisa scomparsa di una delle chiavi necessarie per aprirla induce i sei banditi a prolungare oltre il previsto la loro permanenza nella villa, in un’atmosfera di reciproca diffidenza. Il desiderio di impadronirsi dell’intero bottino e il timore di restare vittima della cupidigia dei concorrenti, convince ben presto ogni membro della banda della necessità di sbarazzarsi dei suoi colleghi. Unica superstite del gruppo resta infine Janine, l’amante di Albert, il capobanda. Il suo sogno di ricchezza ha però una breve durata: allorché un esperto le rivela che i diamanti contenuti nella cassaforte sono falsi, non riesce a sopportare il peso della delusione ed impazzisce.

Sarà divertente riconoscere i luoghi e rivedere questo bel parco, come era un tempo.


Sabato 09 Settembre dalle 21:00 alle 23:00

Intramontabili al tramonto – “Hellzapoppin'” (1941)

5c6a77600d1954436aa3cfde0ef67c97

l film, interpretato dagli stessi Ole Olsen e Chic Johnson, protagonisti della rivista originale, con Martha Raye e Shemp Howard, è divenuto una pietra miliare della filmografia comica (ad esso si ispirò spesso, per esempio, il gruppo comico inglese Monty Python).

«”È proprio roba da matti… in quindici anni che proietto film uno come questo non mi era mai capitato… Questo è un film pazzo!”

“Eccome: è Hellzapoppin’

(da un dialogo tratto dal film)

Il film usa una sorta di campionario di tutti gli errori e le trasgressioni possibili alle regole base del cinema narrativo classicofermo immagine, spezzoni proiettati a marcia indietro e capovolti, sguardi in camera, attori che parlano con gli spettatori e addirittura l’ombra di un ragazzino nell’ipotetica sala cinematografica che si alza perché viene richiamato a casa, sua madre lo cerca, è Stinky Miller.Innovativo sia nell’uso della pellicola sia negli effetti speciali, il film si caratterizzava per il largo uso di nonsense e situazioni “assurde”, tanto da rendere l’espressione Hellzapoppin’ proverbiale.

Il film comparve nelle nomination degli Oscar 1943 per la miglior canzone con Pig Foot Pete (musica di Gene de Paul, testo di Don Raye) ma non si aggiudicò il premio.

Nonostante apparisse attribuita al film sia fra le nomination che nel programma dell’Academy, la canzone apparteneva in realtà a Razzi volanti (Keep ‘Em Flying) di Gianni e Pinotto, prodotto e distribuito dallo stesso studio di Hellzapoppin’, uscito nel 1941 e pertanto fuori regolamento.

« Qualsiasi somiglianza tra Hellzapoppin’ ed un film è puramente casuale. »

(dai titoli di testa del film Hellzapoppin’)


Domenica 10 Settembre dalle 11:00 alle 15:00

Il lato verde della psicologia – Nutrire i desideri

20840696_1663401513672516_5572102443859044186_n


Domenica 10 Settembre dalle 12:00 alle 22:00

Déjeuner sur l’herbe chez

20690167_1293986070709843_827962735647793533_o


Tennis Bar Villa Toeplitz è un progetto Convergenze, finanziato dalla Fondazione Cariplo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...