coopuf

Grazie a Fondazione Cariplo che ha finanziato il progetto Convergenze

Postato il Aggiornato il

Nel triennio 2015-2017 grazie all’impegno di Coopuf Iniziative Culturali, anche la nostra cooperativa è cresciuta molto, ampliando la propria offerta culturale e diversificandola sia nelle tematiche che nei luoghi di rappresentazione.

Ora il finanziamento che abbiamo ottenuto da Fondazione Cariplo tramite il progetto Convergenze è terminato. Grazie a tutti i partner: Arci Varese, ATL, Centro Gulliver, Black&Blues Festival, Cortisonici, Filmstudio’90, NATURart, Progetto Zattera, Arci RagTime, Solevoci, VivaMag.

Stiamo preparando il calendario delle prossime rassegne. Come ogni anno alterneremo musica, teatro, letteratura ed altre espressioni artistiche.

1


2


3


4


5


6


thanksgivingdinner

Un ringraziamento speciale ed in ordine sparso di tutti nostri partner

Gli appuntamenti della prima settimana di settembre al TBVT

Postato il Aggiornato il

ab1c2969-28c9-4ac5-8c61-75d225d68970

Lunedì 04 Settembre dalle 19:00 alle 23:00

Fottuto Lunedì

21248538_1406977416075805_8815788461231025121_o

E’ l’appuntamento settimanale all’interno dello splendido Parco di Villa Toeplitz. Aperitivo lungo a base di sonorità elettroniche ricercate dal soul funky house nu-jazz swing. Daremo spazio a collaborazioni legate all’ambiente sportivo, artistico, sociale. Perché di lunedì? Perché chi inizia bene, è a metà dell’opera. Buon Lunedì!

Selezione musicale: Flavio De SantisAlessio Paracchino

Evento in collaborazione con:
• Filippo Menotti, atleta varesino. Occasione per conoscerlo e per gli amanti di Running e Trail, di scambiarci quattro chiacchiere.
• Funky Corner Tattoo, studio tatuaggi e piercing, dell’amico Alessio Paracchino.
• Food Corner Varese (L’aperitivo sarà accompagnato da Insalata Brasilana & Insalata di Farro, e non solo… Grazie all’amico Andrea Pedretti ).

VUOI COLLABORARE?
Sei un’attività, un’artista, un’ente sportivo o atleta, nell’ambito del sociale.. Non esitare a contattarci, ti daremo spazio all’interno dell’evento.

INGRESSO LIBERO
Aperitivi, appetizer, cocktails, birre

PARCHEGGIO
Possibilità di parcheggiare lungo la Via che porta all’ingresso principale del Parco, oppure al Parcheggio del Cimitero sul retro del Parco con accesso tramite il ponticello.

Evento promosso da: Tennis Bar Villa Toeplitz – Cantine Coopuf – Liste Umbe – Lista Berry


Martedì 05 Settembre dalle 21:00 alle 24:00

Folk Session – Bal Sauvage Dans Le Jardin

20953868_10214140527766206_4630791197237723162_n

“L’unica gioia al mondo è cominciare” ci piace molto di più de “L’estate sta finendo”.
Comincia settembre e l’estate non è ancora finita. È il momento giusto per:
– cominciare a ballare il folk
– cominciare a ballare il folk su una dance floor d’eccezione
– cominciare a ballare il folk su una dance floor d’eccezione, e a suonarlo pure!

LA TEORIA:
Siete tutti chiamati all’appello.
Ballerini provetti. 
Ballonzolatori alle prime armi.
Tangueri sperimentatori.
Truzzi pentiti.
Bradipi oblomovisti ma aggraziati. Atleti stakanovisti ma dotati di due piedi sinistri.
Virtuosi della ghironda e beat boxer versatili, musici di ogni foggia ed estrazione. Vi vogliamo tutti folkeggianti in questo primo ballo di settembre, per la prima volta nella folk-storia varesina “sur la courte de tennis” di villa Toeplitz.

LA PRATICA:
Sarà una serata di balfolk per tutti, anche per chi non ha la più pallida idea di cosa sia il balfolk ma intende scatenarsi a sufficienza da poter smaltire le buone birrette che sorseggerà al Tennis bar. Nella prima parte danze scatenate trad e meno trad dal repertorio di balli folk di tutta Europa (e oltre), con spiegazioni il più possibile accurate (compatibilmente con il numero di birrette che avremo ingerito) anche per chi non ha mai mosso un passo di danza in vita sua. Al calar della notte invece incentiveremo il french kiss con tanti francesissimi valzerini romantici e mazurkine strusciose che vi piaccion tanto. Jam folk di musica dal vivo se i musicisti vengono (e soprattutto se non si sbronzano troppo presto), altrimenti folk dj-set per tutti i gusti.


Mercoledì 06 Settembre dalle 21:00 alle 23:00

Birø live #Summerbreak

21032728_1670928826253118_8360736195926765019_n

#Summerbreak, la rassegna che unisce natura, sport e musica nella splendida Villa Toeplitz è lieta di presentare:

Birø, una delle proposte più interessanti della scena indie italiana. Classe 1990 originario di Varese. Un progetto che mira a coniugare testi propri della tradizione cantautorale con la musica elettronica e a raccontare storie attraverso musica e parole.

Evento promosso da: Tennis Bar Villa Toeplitz – Coopuf Biumo – Cantine Coopuf – Madboys Eventi E Concerti – RC Waves


Giovedì 07 Settembre dalle 18:30 alle 20:00

Giardini letterari – “Solar Park” di Carlo Alfieri

21317407_1681269721885695_477176136567966583_n

Il trentanovenne Almodio Siccomario, dirigente diligente ma non fulgente della filiale italiana della Dai Eleka, multinazionale elettronica, spera in una sacrosanta promozione. Trame manageriali portano invece al suo trasferimento. Amministratore Delegato della sede uruguayana. Promozione ma in realtà esilio. Senso di ingiustizia e di fallimento, e il ricordo dell’incontro con la splendente Drusa Ravenport, lo accompagnano a Montevideo. Ma è qui che nella sua vita irrompe il misterioso Prudencio Ordóñez, avventuriero portatore di ottime opportunità di business. L’amicizia virile diventa collaborazione sempre più stretta: non solo contratti commerciali, Prudencio gioca in grande sullo scacchiere planetario, tutto sa, tutto manovra, e coinvolgerà Almodio in azioni segretissime e spettacolari ai quattro angoli del pianeta. Facendone un uomo nuovo, coraggioso e intraprendente, capace persino di edificare un sogno ecologico mirabolante. Saranno invece gli incontri al femminile – con Drusa, ancora; con la dolcissima ma incrollabile Lucrecia; con l’esotica e disinibita studentessa Shaadiya – a farlo crescere, fino a costruire, infine, anche il suo sogno d’amore perfetto.

Vi aspettiamo ai giardini letterari di Villa Toeplitz, a Varese, giovedi 7 settembre alle ore 18:30, per la presentazione in anteprima di Solar Park, il nuovo romanzo di Carlo G. Alfieri, scrittore

Moderano Jessica Moro e Barbara Podetta, di Books Hunters Blog

La direzione artistica è di Cristina Bellon


Venerdì 08 Settembre dalle 21:00 alle 23:00

Cinema al tramonto – Speciale “Una jena in cassaforte” (1967)

20989162_1671080982904569_7559834149994929573_o

Abbiamo scoperto che Villa Toeplitz è stata teatro di un film italiano del 1967 per la regia di Cesare Canevari, con Cristina Gajoni, Marie Louise Greisberger, Karina Kar, Alex Morrison, Dimitri Nabokov, Stan O’Gadwin, Ben Salvador, Otto Tinard.

La trama è un classico thriller dell’epoca. Sei malviventi si danno convegno in una villa isolata per dividersi il frutto di un colpo realizzato un anno prima: una cassaforte piena di diamanti. L’improvvisa scomparsa di una delle chiavi necessarie per aprirla induce i sei banditi a prolungare oltre il previsto la loro permanenza nella villa, in un’atmosfera di reciproca diffidenza. Il desiderio di impadronirsi dell’intero bottino e il timore di restare vittima della cupidigia dei concorrenti, convince ben presto ogni membro della banda della necessità di sbarazzarsi dei suoi colleghi. Unica superstite del gruppo resta infine Janine, l’amante di Albert, il capobanda. Il suo sogno di ricchezza ha però una breve durata: allorché un esperto le rivela che i diamanti contenuti nella cassaforte sono falsi, non riesce a sopportare il peso della delusione ed impazzisce.

Sarà divertente riconoscere i luoghi e rivedere questo bel parco, come era un tempo.


Sabato 09 Settembre dalle 21:00 alle 23:00

Intramontabili al tramonto – “Hellzapoppin'” (1941)

5c6a77600d1954436aa3cfde0ef67c97

l film, interpretato dagli stessi Ole Olsen e Chic Johnson, protagonisti della rivista originale, con Martha Raye e Shemp Howard, è divenuto una pietra miliare della filmografia comica (ad esso si ispirò spesso, per esempio, il gruppo comico inglese Monty Python).

«”È proprio roba da matti… in quindici anni che proietto film uno come questo non mi era mai capitato… Questo è un film pazzo!”

“Eccome: è Hellzapoppin’

(da un dialogo tratto dal film)

Il film usa una sorta di campionario di tutti gli errori e le trasgressioni possibili alle regole base del cinema narrativo classicofermo immagine, spezzoni proiettati a marcia indietro e capovolti, sguardi in camera, attori che parlano con gli spettatori e addirittura l’ombra di un ragazzino nell’ipotetica sala cinematografica che si alza perché viene richiamato a casa, sua madre lo cerca, è Stinky Miller.Innovativo sia nell’uso della pellicola sia negli effetti speciali, il film si caratterizzava per il largo uso di nonsense e situazioni “assurde”, tanto da rendere l’espressione Hellzapoppin’ proverbiale.

Il film comparve nelle nomination degli Oscar 1943 per la miglior canzone con Pig Foot Pete (musica di Gene de Paul, testo di Don Raye) ma non si aggiudicò il premio.

Nonostante apparisse attribuita al film sia fra le nomination che nel programma dell’Academy, la canzone apparteneva in realtà a Razzi volanti (Keep ‘Em Flying) di Gianni e Pinotto, prodotto e distribuito dallo stesso studio di Hellzapoppin’, uscito nel 1941 e pertanto fuori regolamento.

« Qualsiasi somiglianza tra Hellzapoppin’ ed un film è puramente casuale. »

(dai titoli di testa del film Hellzapoppin’)


Domenica 10 Settembre dalle 11:00 alle 15:00

Il lato verde della psicologia – Nutrire i desideri

20840696_1663401513672516_5572102443859044186_n


Domenica 10 Settembre dalle 12:00 alle 22:00

Déjeuner sur l’herbe chez

20690167_1293986070709843_827962735647793533_o


Tennis Bar Villa Toeplitz è un progetto Convergenze, finanziato dalla Fondazione Cariplo

Gli appuntamenti del fine settimana al Tennis Bar Villa Toeplitz

Postato il

Venerdì 14
The Pupils in concert
Incontro con l’associazione Rescue Bouledogue Italia

19701976_1618327594846575_4673950903580460722_n

“Dopo l’esperienza del primo live al Blue Note e data l’atmosfera positiva creatasi intorno al progetto, abbiamo deciso di continuare a suonare insieme.”

Massimo Cappelletti – voce
Michele Maffei – sax
Francesco Mele – chitarra
Fabio Patelli – tastiere
Luca Rossetti – basso
Fabio Zorgno – batteria


Sabato 15
Magiche Follie
Spettacolo di illusionismo di e con Vittorio Belloni

19601506_1614898711856130_4132552098210276832_n

Vittorio, entrato appena sedicenne a far parte del Club Arte Magica di Milano, ha negli anni sviluppato uno stile così personale di presentare la sua Magia da diventare un artista unico, un mago puro, raffinato, veloce e talentuoso, capace di vincere diversi premi della Fism (la Federazione Internazionale delle Società Magiche), tanto che tra i 14 artisti italiani vincitori negli anni, solo il mitico Tony Birarelli è stato premiato in più congressi.

Vince 2° e il 3° premio in due edizioni del “FISM WORLD MAGIC CHAMPIONSHIP” di Pechino e Blackpool e il 1° Premio all’”EUROPEAN MAGIC CHAMPIONSHIP”.

“Magiche follie” è un concentrato di illusione, destrezza, stupore, pathos e divertimento, emozioni che si fondono per trasportare il pubblico presente in un mondo prodigioso, una dimensione parallela dove tutto ruota attorno all’arte magica. Un viaggio creativo alla scoperta di come la fantasia sia in grado di trasformare la realtà di tutti i giorni in autentica magia.


Domenica 16
Colazione da Toeplitz
Letture domenicali a cura della scuola di teatro STCV Anna Bonomi

Lo cunto de li cunti

[…] mentre gli sposi stavano in gaudio, Zezolla si affacciò a un gaifo della sua casa; e in quel punto una colombella volò sopra un muro e le disse:
«Quando ti vien desio di qualche cosa, manda a dimandarla alla colombella
delle fate dell’isola di Sardegna, ché tu l’avrai subito».


Domenica 16
Tennis Jazz Villa Toeplitz
Fine in musica del fine settimana

Aperitivo_in_villa_16_07

Ogni volta che Danilo Blaiotta ritorna a Varese lo fa con una proposta diversa, testimonianza di una perenne ricerca di esperienze musicali diverse.
Ogni volta è una piacevole sorpresa. White Waves nasce, come le cose più belle, inaspettatamente durante un viaggio di due musicisti conterranei che vivono a Roma: Alberto Parmegiani e Riccardo Gambatesa immaginano un hammond trio.
Ed è così che, grazie all’intervento inizialmente di Carlo Ferro e poi di Danilo Blaiotta, nasce l’attuale White Waves. Tra un concerto e l’altro (ormai più di 40 in un anno) la direzione del trio assume una forma diversa rispetto a quella pensata inizialmente, dando voce ai gusti e i backgrounds dei tre componenti.
Ed è così che le sonorità si inacidiscono, l’uso dell’hammond è sostituito dal rodhes e basso synth, lo swing viene un po’ messo da parte, anche se solo formalmente, la modernità spicca mischiando jazz newyorkese, soul, hiphop.
Il suono del gruppo ormai è consolidato, riconoscibile e riconosciuto. White Waves si è esibito in diversi festival come: Sfinks festival jazz (Polonia), BeatOnto jazz festival, Petra Nera jazz festival, Pietre che cantano, Andria in Jazz, Barletta Jazz festival, LeTure (rassegna di jazz), Spazio Le Arti e vari altri jazz club.

Alberto Parmegiani – guitar
Danilo Blaiotta – rhodes. synth
Riccardo Gambatesa – drums

L’ospite di oggi a Giardini Letterari è Elisabetta Cametti. Dalle 18:30 al Tennis Bar Villa Toeplitz

Postato il

19400541_1093868700746011_8026358279071157737_o

Veronika Evans, discussa fotoreporter delle nobili cause, non vuole più saperne di collaborare con il NYPD: ha ancora negli occhi la scia di sangue dell’ultima indagine, l’orrore della verità nel cuore. Per rimettere insieme i pezzi, è volata in Groenlandia a documentare la silenziosa mattanza delle foche, ma il passato la raggiunge anche dall’altra parte del mondo.

Fisher, il capo del Detective Bureau, ha bisogno di lei a New York: sotto i leoni di pietra della Public Library è stato rinvenuto il cadavere di una donna. Seduta, truccata, in abito da sera. Una scena del crimine che sembra un’installazione contemporanea. La coincidenza è da escludersi: nella biblioteca si inaugurerà a breve un evento artistico di portata mondiale, gemellato con la Biennale di Venezia. A Fisher servono occhi che osservino al posto suo, e Veronika è nella lista dei vip.

Nel frattempo i corpi diventano due, tre. Stesso modus operandi, il messaggio è preciso benché indecifrabile. In realtà un collegamento esiste: una donna scomparsa da più di dieci anni. Ma porta a un vicolo cieco, a un altro serial killer, noto come il Sarto, che sta per essere giustiziato con iniezione letale.

Cosa unisce Caino – così Fisher chiama gli assassini ancora senza identità – al Sarto? L’unico elemento ricorrente è il 29, una data che si trasforma in minaccia a New York, in un carcere di massima sicurezza in Virginia e a Venezia.